Autismo: un trattamento di cura precoce

autismoVenerdì 1 aprile, dalle ore 18 presso la Casa della Musica di Cervignano del Friuli, l’Azienda per l’Assistenza Sanitaria n 2, il Consorzio Il Mosaico ed il Comune di Cervignano del Friuli organizzano l’incontro “Autismo: un trattamento di cura precoce”.

L’incontro, rivolto a tutti, cercherà di approfondire la patologia sfatando i pregiudizi che la circondano e spiegando come riconoscerla al primo manifestarsi ed affrontarla per tempo.

Il Comune di Cervignano ha aderito con convinzione all’iniziativa, in linea con le politiche di prevenzione della malattia messe in atto sul territorio della Bassa Friulana in collaborazione con l’Azienda Sanitaria e con il terzo settore attivo sul territorio.

Prevenire è importante e per prevenire è fondamentale conoscere, affidandosi alla ricca rete dei servizi offerta sul territorio ed alle professionalità e competenze che il territorio stesso esprime. Ringrazio l’Azienda Sanitaria ed in particolare il Dott. Luciano Pletti per aver proposto questo incontro.

Annunci

RONDE PADANE

Pubblico, per completezza, la risposta alle dichiarazioni del Consigliere Roberto Zorzenon rilasciate al Messaggero Veneto lo scorso 24 ottobre. Ringrazio la redazione per avermi concesso lo spazio per una replica.

Schermata 2013-10-29 a 20.14.32

Il Consigliere Roberto Zorzenon, con uno stile che ormai i cittadini conoscono bene, cerca di strumentalizzare dei fatti di cronaca per alimentare una campagna elettorale permanente. Quello che più dispiace, non volendo dubitare della conoscenza da parte del Consigliere dei ruoli delle diverse Istituzioni, è il metodo e il tono con cui rivolge il suo messaggio ai cittadini: Zorzenon conosce bene i differenti ruoli coperti dalla Prefettura di Udine, dalla Questura e dall’Amministrazione Comunale, e nonostante questo cerca di guadagnare consenso attraverso delle dichiarazioni pretestuose.

Quello che invece  Zorzenon non comprende, forse per un’idea diversa dalla nostra della propria responsabilità istituzionale e politica, è la gravità del suo invito ai cittadini a “pattugliare il territorio e difendere con ogni mezzo le proprie proprietà.”. Zorzenon è un Consigliere Comunale della nostra città e nella sua veste istituzionale farebbe bene a misurare i toni quando rivolge messaggi ai cittadini. La crisi economica ed occupazionale che ha colpito tante cittadine e tanti cittadini di Cervignano ha bisogno di una risposta solidale e comunitaria: da qui lo sforzo da parte dell’Amministrazione di dare servizi e creare reti associative nuove.

Il messaggio politico di Zorzenon va proprio nella direzione opposta, quella di alimentare tensioni e diffidenza e nuoce al lavoro delle tante associazioni religiose e laiche, culturali e sportive, sociali e ricreative che, con il contributo di tanti volontari (oltre che degli Amministratori) operano tutti i giorni per creare momenti di solidarietà e condivisione.

La storia ci offre numerosi esempi di inviti alla giustizia fai da te come quello che propone Zorzenon, e non sono certo ricordati con piacere. La lista Il Ponte è composta da sempre da persone che vivono la responsabilità del proprio ruolo e che cercano di contribuire con coerenza ad uno sviluppo armonioso della propria comunità senza alimentare sentimenti di chiusura e paura. Se questo, per Zorzenon, significa sottovalutare i problemi, ne prendiamo atto, ma non siamo intenzionati a cambiare atteggiamento né a farci trascinare nel vortice di una politica strillata e senza contenuti.

La lista il Ponte è vicina ai cittadini vittime di reati odiosi e che lasciano un senso di insicurezza e timore. La risposta a questi fatti deve avvenire attraverso azioni decise svolte dalle Istituzioni nell’ambito della legge e delle specificità e competenze di ciascuno.  Siamo vicini alle Istituzioni di Pubblica Sicurezza che svolgono con dedizione il proprio lavoro ed in particolare al Comando dei Carabinieri di Cervignano, sempre attento e collaborativo. Sappiamo anche di  poter contare sul sostegno attivo del Prefetto e del Questore che ci sono sempre stati vicini e si sono sempre dimostrati disponibili ad ogni nostra richiesta di confronto. Attraverso questa costante collaborazione e con l’aiuto dei cittadini sapremo affrontare con serenità e coesione il futuro della nostra comunità.

Schermata 2013-10-29 a 20.29.14

CERVIGNANO: UN AIUTO ALLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA’

Schermata 2013-10-18 a 18.25.06

Ogni tanto capita di togliersi qualche soddisfazione: ci si rende conto, grazie ad episodi dagli effetti concreti e tangibili, che il proprio operato ha portato ad una ricaduta positiva sulla propria comunità. L’11 ottobre scorso, la Giunta Regionale ha deliberato la ripartizione dei contributi per l’abbattimento dei canoni di locazione destinati ai Comuni. I cittadini di Cervignano del Friuli, grazie all’intervento dell’Amministrazione Comunale e del sistema premiante previsto dalla regolamento attuativo della Legge Regionale sul Welfare, potranno beneficiare di un aiuto molto superiore alla media regionale.

Con deliberazione n. 1875 la Giunta Regionale assegnato al Comune di Cervignano oltre 185 mila euro di contributo. Ad essi si sommano i cinquantamila già messi a bilancio dal Comune. Ai cittadini, pertanto, verranno distribuiti contributi pari ad oltre il 52% della domanda. La media regionale non arriva al 17%.

Una soddisfazione, quindi. La percezione di aver fatto il possibile, pur nelle difficoltà, per non lasciare indietro nessuno. Promessa che, priva di aver fatto ai cittadini, come lista il Ponte avevamo fatto a noi stessi.

LA NORMATIVA REGIONALE

Il regolamento attuativo alla legge regionale prevede che i contributi da assegnare ai Comuni per l’abbattimento dei canoni di locazione vengano così ripartiti:

  • 75% dei contributi divisi per competenza;
  • 25% dei contributi assegnati in via esclusiva ai comuni che, virtuosamente compartecipino ai contributi con una quota parte di almeno il 10% della domanda.

La delibera dello scorso 11 ottobre, nel ripartire i fondi regionali, ha quindi premiato i Comuni che sono riusciti ed hanno voluto, pure nelle ristrettezze economiche in cui vivono oggi gli enti pubblici, contribuire direttamente all’abbattimento delle rette.

Schermata 2013-10-18 a 18.42.22

A Cervignano, 185 famiglie hanno fatto richiesta di contributo. Segno di una crescente situazione di difficoltà a causa della quale in molti rischiano di non riuscire ad affrontare una crisi economica che ci auguriamo possa presto finire. In tanti hanno perso il lavoro e spesso, dove entravano due stipendi, ora ne entra solo uno.

Ricordo le riunioni di Giunta in cui ci confrontavamo sul bilancio preventivo e su come riuscire a far quadrare i conti in un anno terribile per tutti gli enti locali. Come Lista Il Ponte abbiamo voluto stare vicino ai nostri cittadini ed aiutarli a superare questo triste momento. Oggi cogliamo, ancora una volta, i frutti del nostro impegno e possiamo dire di aver contribuito a garantire ai nostri concittadini il diritto ad un bene fondamentale: la casa.

 

NON UN PASSO INDIETRO SUL WELFARE, ANZI

Me lo confermano tutti: iniziare a fare l’Assessore comunale nel 2012 è molto difficile. La spending review ed il patto di stabilità limitano le spese dell’amministrazione in modo irrazionale e scomposto, gli uffici si trovano a fare i conti con nuove normative e regole che per ora fanno fatica ad entrare a regime, i cittadini sono abituati ad uno standard di servizi che difficilmente riusciremo a mantenere. La cosa assurda è che la liquidità c’è, ma non possiamo spenderla. Il tutto poi è maggiormente penalizzante per quanti, come Cervignano del Friuli, hanno amministrato negli anni operando (senza bisogno di normative nazionali ad hoc) tagli alla spesa corrente improduttiva e applicando diligentemente l’atteggiamento del buon padre di famiglia che amministra l’economia domestica. Tanta virtù negli anni trascorsi, fa sì che oggi ci si chieda di tagliare la spesa ma noi non si sappia cosa tagliare.

In questo contesto difficile, la linea politica di una forza politica può però ancora emergere. Noi lo avevamo detto in campagna elettorale ed io sto cercando di fare il possibile per mantenere l’impegno: niente tagli al sociale, anzi.

sostegno-alla-locazione_374x363Lo scorso 22 maggio la Giunta Comunale ha approvato quale propria proposta da inserire nel bilancio preventivo per il 2013 che dovrà poi essere vagliato dal Consiglio Comunale. In questa proposta, nonostante i molti sacrifici, abbiamo voluto confermare i 10.000 euro di contrasto alle nuove forme di povertà inseriti lo scorso anno ed inserire il 10 % dei contributi per i canoni di locazione (L 431/98) necessari ad accedere al sistema premiante regionale, quasi quarantanove mila.

Il sistema premiante regionale (link) per il sostegno al pagamento dell’affitto prevede la seguente differenziazione nella distribuzione dei premi agli enti locali:

I finanziamenti stanziati per le finalità della legge n. 431/1998 e della legge regionale n. 6/2003 saranno assegnati ai Comuni dalla regione nelle seguenti misure:

il 75% dei fondi disponibili tra tutti i Comuni sulla base del fabbisogno accertato dai Comuni stessi;

il 25% dei fondi disponibili tra i Comuni che partecipano con proprie risorse, in misura non inferiore al 10%, al finanziamento degli interventi di cui si tratta.

E’ evidente pertanto che lo sforzo compiuto dalla nostra amministrazione metterà a disposizione dei cittadini di Cervignano del Friuli una maggior quantità di contributi regionali.

Molte famiglie di Cervignano, che entro il mese scorso hanno portato avanti la richiesta di contributo a sostegno delle spese degli affitti, ora avranno la possibilità di accedere ad un maggiore contributo economico attingendo a quello standard previsto dalla Regione, ai quasi quarantanove mila euro deliberati dalla Giunta Comunale ed infine ai fondi regionali previsti per i soli Comuni “virtuosi”.

Aiutare i cittadini nella gestione delle spese per gli affitti è importantissimo oggi, in un momento nel quale, alle tante problematiche di cui si occupa da sempre il sociale dei comuni si stanno aggiungendo molte famiglie e cittadini interessate da nuove forme di povertà o che hanno visto il proprio reddito indebolito dalle tante casse integrazioni, chiusure di imprese ecc… Intervenire su queste fasce sociali è fondamentale per aiutare il superamento di quello che auspichiamo essere un periodo passeggero al termine del quale possa ripartire l’occupazione ed il lavoro.

Siamo soddisfatti di essere riusciti ad inserire il contributo in un anno così duro per i conti pubblici. Credo che con questa nostra scelta riusciremo ad aiutare tante famiglie di Cervignano. Il nostro obiettivo, come forza di sinistra, è quello di non lasciare indietro nessuno. Con la lista Il Ponte cerchiamo di farlo tutti i giorni, un passetto alla volta.