Il gatto e la volpe

il-gatto-e-la-volpe

Il gatto e la volpe, personaggi nati dalla fantasia di Collodi, rappresentano l’archetipo, la massima rappresentazione, del truffatore, del venditore di fumo capace di affabulare le persone per bene promettendo scorciatoie e falsi “paesi dei balocchi”.
Lo impara a sue spese Pinocchio, lo impariamo noi leggendo la sua storia.

Dovremmo aver sviluppato gli anticorpi a queste figure, eppure capita ancora che i gatti e le volpi di casa nostra riescano a trovare spazio ed ad influenzare il giudizio di molte persone che, spesso in buona fede, si vedono promettere soluzioni troppo semplici a problemi complessi oppure vedono amplificate le proprie, ancorché legittime, paure.

Accade in questi giorni che nella bassa friulana, dove presto si voterà per le elezioni Regionali, alcuni gatti e alcune volpi tanto ambiziosi quanto ambigui stiano cavalcando il tema dell’accoglienza SPRAR per meri tornaconti personali.

Accade che però, nel nostro caso, il gatto e la volpe abbiano anche l’attitudine, che Collodi attribuiva a Pinocchio, di avere il naso lungo e che le loro bugie siano talmente roboanti da essere smentibili con estrema facilità.

Eh sì, perché non si può chiedere i voti ad Udine promettendo di redistribuire i richiedenti asilo presenti in città su tutto il territorio regionale e, il giorno dopo, raccontare nei comuni del territorio regionale, che ci si batterà affinché i richiedenti asilo non vengano ridistribuiti.

Fino a ieri il centrodestra di questa Regione si è opposto, giocando peraltro di sponda con pericolose formazioni di estrema destra, all’accoglienza diffusa. Si è recato nei comuni e nelle frazioni cavalcando il “non li vogliamo”.

Oggi, lo stesso centro destra sposa la liea dell’accoglienza SPRAR e del 2,5 richiedenti asilo ogni 1000 abitanti che il centrosinistra stava faticosamente cercando di far applicare (NB: a Cervignano 2,5 per 1000 significherebbe circa 35 persone circa contro le 24 previste attualmente).

Trovo sia doveroso ascoltare sempre i cittadini e ritengo che sia fisiologico che sul tema dell’accoglienza la si possa pensare in modo diverso e che si possa essere un dibattito eppure spiace dover sempre tornare su questo tema anziché parlare di sanità, istruzione o lavoro, ma è necessario ogni tanto smentire i gatti e le volpi nostrani affinché durante le loro fumose arringhe trovino tra il pubblico qualcuno che gli rivolga una fragorosa pernacchia.

Concludo con un consiglio: quando qualcuno vi parla e vi chiede il voto oppure punta a fare carriera anche grazie al vostro consenso, guardate il suo curriculum, osservate a chi ama accompagnarsi e leggete quello che ha scritto o fatto fino al giorno prima. Di solito perdere due minuti di tempo per una verifica di questo tipo aiuta a chiarirsi le idee molto più di tante promesse ridicole.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...