PD or not PD, is that the question?

Il prossimo 2 dicembre, a Roma, si terrà l’assemblea costitutiva di un nuovo grande soggetto politico che si propone di unire tutte le forze progressiste italiane.

Art.1 MdP, Possibile e Sinistra Italiana prevedono di riunire oltre duemila delegati, con ampio spazio riservato a nuovi iscritti e simpatizzanti che si siano avvicinati da poco alla politica.

a33a6ab781a61bda_HamletSkull.previewIl progetto è quello di creare un’alternativa che realmente risponda ai valori della sinistra italiana ed internazionale e che sappia essere credibile come forza potenzialmente di governo, capace cioè di formulare una proposta coerente, concreta e realizzabile. Come dice  Jeremy Corbyn, la sinistra dovrà diventare il nuovo centro politico, dovrà cioè porsi come obiettivo quello di rappresentare le istanze di larghissima parte della popolazione, quella che dalle politiche neoliberiste portate avanti in questi anni ha soltanto perso, in potere d’acquisto, welfare e diritti.

La sinistra si trova però oggi a portare il fardello del continuo riferimento, da parte di stampa e TV, ai rapporti con il Partito Democratico. Chi solleva la questione, dimentica che il Partito Democratico a guida Renzi è quello che ha applicato al diritto del lavoro le stesse ricette proposte per anni da Forza Italia e Popolo delle Libertà, che ha preferito la politica dei bonus una tantum come il bonus bebè ad un serio investimento nel welfare, che ha votato il decreto Minniti che punisce la marginalità sociale quasi fosse un reato e che prende accordi con i signori della guerra libici per smaltire i migranti provenienti dall’Africa e che ha votato a maggioranza una riforma costituzionale e una legge elettorale a colpi di fiducia. E potrei continuare.

Invocare cambi di rotta o ripensamenti è purtroppo ormai senza senso: alcuni dirigenti del Partito Democratico hanno subìto una metamorfosi tale da portarli a contraddirsi con la storia stessa di quel partito (quella dei tre milioni in piazza per l’articolo 18, quella contraria agli accordi Berlusconi – Gheddafi, ecc…). Hanno subìto una metamorfosi politica, ma anche di stile e di metodi. Non molto tempo fa, l’educazione e lo stile comunicativo sobrio e rispettoso erano elevati a modo d’essere, all’interno del centro-sinistra, oggi sono stati sostituiti dagli sfottò e da uno stile di dibattito forse adatto ai salotti televisivi ed all’utilizzo dei social network, ma privo del rispetto minimo che si deve ai propri avversari, non compatibile con il progetto di una sinistra innovativa, progressista e credibile.

La sinistra ha oggi il compito di ripartire da zero e riacquisire credibilità, ma non potrà farlo se asseconderà nel dibattito chi continua a chiedere che intenzioni vi siano rispetto ad alleanze ed accordi.

La sinistra si appresta a compiere un percorso lungo per il quale non deve avere fretta, un percorso durante il quale dovrà coniugare la propria visione del mondo con la disponibilità a raccogliere le istanze politiche di larghe parti della società, di chi si pone l’obiettivo di rappresentare. Una ricostruzione che non otterrà da subito straripanti successi elettorali, e con questo dovremo fare i conti, ma che dovrà costruire con un’ottica di medio-lungo termine fondandosi su due punti imprescindibili:

  • IDENTITÀ: una chiave di lettura del mondo ed un sistema di valori condiviso che costituiscano le fondamenta comuni e che facciano sì che alcuni capi saldi come uguaglianza, antirazzismo e giustizia sociale non siano mai messi in discussione;
  • RAPPRESENTANZA: la volontà di portare avanti in primis le istanze di determinate fasce della popolazione, maggioritarie sì, ma ben definite. Il partito di tutti così come concepito nella costruzione del consenso renziano è una bufala che ha consentito di portare avanti gli interessi di una stretta minoranza di cittadini.

La sinistra non può accettare la guerra al povero scatenata dal Ministro Minniti che consente alle città di togliere dallo sguardo dei cittadini benestanti le marginalità sociali che, non potendo risolvere, reprime e nasconde. La sinistra dovrà restituire dignità ai lavoratori, ormai ricattabili e ricattati in ogni modo ed in ogni settore. La sinistra dovrà sostenere, ad esempio, le lotte del personale dipendente del mondo del commercio che rivendicano un giusto tempo per il lavoro e un giusto tempo per il riposo ora negati di fatto dalle aperture selvagge nelle domeniche e durante le festività. La sinistra dovrà salvaguardare i beni comuni come le risorse idriche e l’ambiente, ma anche il patrimonio artistico del nostro Paese. La sinistra dovrà spendersi per i diritti civili ed al contempo per i diritti sociali delle persone e lottare per un futuro di giustizia sociale ed eguaglianza. In poche parole, dovrà essere una forza progressista.

A rappresentare Marchionne e Farinetti ci pensino altri.

c0bff5ed-42ef-4f98-ab25-b8670cf2248f

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...